In ricordo di Gianluca Mattioli…

Se ne va il sorriso di un uomo di basket, se ne va la simpatia di un appassionato, di un divulgatore, se ne va l’entusiasmo di chi sapeva salutarti anche se non sei famoso con la semplicità disarmante degli umili e sinceri e bravi.

Vorresti scrivere mille cose, vorresti solo capire perché, vorresti solo avere parole. Vorresti, ma restano i ricordi e l’esempio di come un campo da basket è stato reso grande da un Uomo che ha avuto pochi anni per illuminarlo ancora. Troppi, troppi pochi
Ciao Gianluca.

Giovanni Lucchesi

Next Post